— 134 —
delle quali la gran Selva ben doveva abbondare, e
per inseguire le donne, ch'in tale stato dovevan esser
selvagge, ritrose, e schive; e sì, sbandati per truovare
pascolo, ed acqua
, le madri abbandonando i loro figliuoli,
questi dovettero tratto tratto crescere senza udir
voce umana, nonchè apprender'uman costume
: onde andarono
in uno stato affatto bestiale, e ferino; nel quale
le madri, come bestie dovettero lattare solamente
i bambini, e lasciargli nudi rotolare dentro le fecce loro
propie, ed appena spoppati abbandonargli per sempre;
e questi dovendosi rotolare dentro le loro fecce, le
quali co' sali nitri maravigliosamente ingrassano i campi,
e sforzarsi, per penetrare la gran selva, che per
lo fresco Diluvio doveva esser foltissima; per gli quali
sforzi dovevano dilatar' altri muscoli per tenderne altri,
onde i sali nitri in maggior copia s'insinuavano ne' loro
corpi; e senza alcuno timore di Dei, di Padri, di
Maestri, il qual' assidera il più rigoglioso dell'età fanciullesca,
dovettero a dismisura ingrandire le carni, e
l' ossa, e crescere vigorosamente robusti, e sì provenire
Giganti: ch' è la ferina educazione, ed in grado
più fiera di quella, nella quale, come nelle Degnità
si è sopra avvisato, Cesare, e Tacito rifondono la cagione
della gigantesca statura degli Antichi Germani;
onde fu quella de' Goti, che dice Procopio, e qual'oggi
è quella de los Patacones, che si credono presso lo
Stretto di Magaglianes; d'intorno alla quale han detto
tante inezie i Filosofi in Fisica, raccolte dal Cassanione,
che scrisse de Gigantibus: de' quali Giganti si sono truovati,
e tuttavia si truovano per lo più sopra i monti
(la qual particolarità molto rileva per le cose, ch'appresso
se n' hanno a dire) i vasti teschi, e le ossa d'una
sformata grandezza
; la quale poi con le volgari tradizioni
si alterò all'eccesso
, per ciò, che a suo luogo diremo.
Di Giganti così fatti fu sparsa la Terra dopo il
Vico SN44 134