— 140 —
      Teofilo - . Il Nolano rispose che, quando uno scrive l'alfabeto,
mostra mal principio di voler insegnar gramatica ad
un che ne intende piú che lui. - Séguita a far la sua descrizione
il Torquato, e circa il sole, che era nel mezzo, forma
sette semicircoli con simili caratteri, circa l'ultimo scrivendo:
Sphaera Immobilis Fixarum, e ne la margine: Copernicus.
Poi se volta al terzo circolo, ed in un punto della sua circonferenza
forma il centro d'un epiciclo, al quale, avendo
delineata la circonferenza, in detto centro penge il globo
de la terra; ed a fin che alcuno non s'ingannasse pensando
che quello non fusse la terra, vi scrive a bel carattere: Terra;
ed in un loco de la circonferenza de l'epiciclo, distantissimo
dal mezzo, figurò il carattere della luna.
Bruno Cena 140