— 123 —
Mondo di Nazioni per tutta la distesa de' loro luoghi, tempi,
e varietà
: e truoverassi aver convinto di fatto gli
Epicurei, che 'l loro caso non può pazzamente divagare,
e farsi per ogni parte l'uscita; e gli Stoici, che
la loro Catena eterna delle cagioni, con la qual vogliono
avvinto il Mondo, ella penda dall'onnipotente,
saggia, e benigna volontà dell'Ottimo Massimo
Dio.
      Queste sublimi pruove Theologiche naturali ci saran
confermate con le seguenti spezie di pruove Logiche;
che nel ragionare dell'Origini delle cose divine, ed
umane della Gentilità se ne giugne a' que' Primi, oltre
i quali è stolta curiosità di domandar' altri Primi: ch' è
la propia caratteristica de' Principj: se ne spiegano le
particolari guise del loro nascimento, che si appella
natura; ch' è la nota propjssima della Scienza: e finalmente
si confermano con l' eterne propietà, che conservano;
le quali non posson'altronde esser nate, che
da tali, e non altri nascimenti in tali tempi, luoghi,
e con tali guise, o sia da tali nature, come se ne sono
proposte sopra due Degnità.
      Per andar'a truovare tali nature di cose umane,
procede questa Scienza con una severa Analisi de' pensieri
umani d'intorno all'umane necessità, o utilità della
vita socievole
, che sono i due Fonti perenni del Diritto
Natural delle Genti
, come pure nelle Degnità si è avvisato.
Onde per quest'altro principale suo aspetto questa
Scienza
è una Storia dell'Umane Idee; sulla quale
sembra dover procedere la Metafisica della Mente Umana:
la qual Regina delle Scienze per la Degnità, che
le Scienze debbono incominciare da che n'incominciò
la materia, cominciò d'allora, ch'i primi uomini
cominciarono a umanamente pensare, non già da
quando i Filosofi cominciaron'a riflettere sopra l'umane
Idee; come ultimamente n' è uscito alla luce un
Vico SN44 123