— 126 —
      Teofilo. Dalla censura di onorati spirti, veri religiosi,
ed anco naturalmente uomini da bene, amici della civile
conversazione e buone dottrine non si de' temere; perché
quando bene arran considerato, trovaranno che questa
filosofia non solo contiene la verità, ma ancora favorisce
la religione piú che qualsivoglia altra sorte de filosofia;
come quelle che poneno il mondo finito, l'effetto e l'efficacia
della divina potenza finiti, le intelligenze e nature
intellettuali solamente otto o diece, la sustanza de le cose
— —
esser corrottibile, l'anima mortale, come che consista piú
tosto in un'accidentale disposizione ed effetto di complessione
e dissolubile contemperamento ed armonia, l'esecuzione
della divina giustizia sopra l'azioni umane, per consequenza,
nulla, la notizia di cose particolari a fatto rimossa
dalle cause prime ed universali, ed altri inconvenienti assai;
li quali non solamente, come falsi, acciecano il lume de
l'intelletto, ma ancora, come neghittosi ed empii, smorzano
il fervore di buoni affetti.
Bruno Cena 126