— 656 —
      Sofia. Oltre, che non attenda a quel che s'imagine o
pense ciascuno, pur che le paroli e gesti non corrompano
il stato tranquillo; e massime verse in correggere e mantenere
tutto quel che consiste ne l'operazioni, non giudicar
l'arbore da belle frondi, ma da buoni frutti; e quelli che
non le producono, sieno tolti e cedano il loco ad altri che
porgano. Che non creda, che in modo alcuno li dei si senteno
interessati in quelle cose nelle quali nessuno uomo
si sente interessato; perché di quelle cose solamente gli dei
si curano de le quali si possono curar gli uomini, e non per
cosa che vegna fatta o detta o pensata per essi, si commuoveno
o se adirano, se non in quanto per quello venesse a
perdersi quel rispetto per cui si mantegnono le republiche;
atteso che gli dei non sarebono dei, se si prendessero piacere
o dispiacere, tristizia o allegrezza per quello che fanno
o pensano gli uomini; ma quelli sarebono piú bisognosi
che questi, o al meno cossí quelli riceverebono utilitade
e profitto da questi, come questi da quelli. [>]

Bruno Best 656