— 649 —
      Saulino. Dalla providenza, dunque, vuoi che influisca
in noi la prudenza, e che nel mondo archetipo quella risponda
a questa che è nel mondo fisico: questa che porge
a gli mortali il scudo, per cui contra le cose adverse con la
raggione si fortificano, per cui siamo insegnati di prendere
piú pronta e perfetta cautela dove maggiori dispendii si
minacciano e temeno; per cui gli agenti inferiori s'accomodano
alle cose, ai tempi ed all'occasioni; e non si mutano,
ma s'adattano gli animi e le voluntadi. Per cui a gli bene
affetti niente accade come subitanio ed improviso, di nulla
dubitano, ma tutto aspettano; di nulla suspicano, ma da
tutto si guardano; ricordandosi il passato, ordinando il
presente e prevedendo il futuro. Or dimmi, perché Sofia
succede ed è prossima a la prudenza e veritade?
Bruno Best 649