— 93 —
      Smitho. Tanto che secondo il vostro dire, benché sii
falsa, non però potrà essere improbata, per le raggioni
geometrice, la opinione di Eraclito Efesio, che disse il
sole essere di quella grandezza, che s'offre agli occhi; al
quale sottoscrisse Epicuro, come appare ne la sua Epistola
a Sofocle
; e ne l'undecimo libro De natura, come referisce
Diogene Laerzio, dice che, per quanto lui può giudicare,
la grandezza del sole, de la luna e d'altre stelle è tanta
quanta a' nostri sensi appare; perché, dice, se per la distanza
perdessero la grandezza, a piú raggione perderebbono
il colore; e certo, dice, non altrimente doviamo giudicare
di que' lumi, che di questi, che sono appresso noi.
— 94 —
      Prudenzio. Illud quoque epicureus Lucretius testatur
quinto
De natura libro:
Nec nimio solis maior rota, nec minor ardor
Esse potest, nostris quam sensibus esse videtur.
Nam quibus e spaciis cumque ignes lumina possunt
Adiicere et calidum membris adflare vaporem,
Illa ipsa intervalla nihil de corpore libant
Flammarum, nihilo ad speciem est contractior ignis.
Lunaque sive Notho fertur loca lumine lustrans,
Sive suam proprio iactat de corpore lucem.
Quicquid id est, nihilo fertur maiore figura.
Postremo quoscumque vides hinc aetheris ignes,
Dum tremor est clarus, dum cernitur ardor eorum,
Scire licet perquam pauxillo posse minores
Esse, vel exigua maiores parte brevique,
Quandoquidem quoscumque in terris cernimus ignes,
Perparvum quiddam interdum mutare videntur
Alterutram in partem filum, cum longius absint.

Bruno Cena 93-94