— 625 —
      - Bene, disse Giove, cossí voglio, cossí determino, che
sia dispensata questa corona, come raggionevolmente Mercurio,
Momo ed Apolline hanno proposto, e voi altri consentite.
— 626 —
Questa pestilenza, per essere cosa violenta e contra
ogni legge e natura, certo non potrà molto durare; come
possete accorgervi, ch' hanno costoro il lor destino o fato
nemicissimo, perché mai crebbe il numero di questi, se
non a fine di far piú numerosa ruina. - È ben degno premio,
disse Saturno, la corona per colui, che le toglierà via; ma
a questi perversi è picciola ed improporzionata pena, che
sieno solamente spenti dalla conversazion de gli uomini:
però mi par oltre giusto che, lasciato ch'aranno quel corpo,
appresso, per molti lustri e per piú centinaia d'anni, da
corpo in corpo trasmigrando per diverse vice e volte, se
ne vadano ad abitar in porci, che sono gli piú poltroni
animali del mondo, o vero sieno ostreche marine attaccate
ai scogli.
Bruno Best 625-626