— 76 —
Questi particolari per l'autorità, che tegnono in quel caso
che portano la soma, son degni d'escusazione, perché
hanno piú del cavallo, mulo ed asino che de l'uomo;
ma accuso tutti gli altri, li quali hanno un pochettino del
razionale, e sono, piú che gli predetti, ad imagine e similitudine
— 77 —
de l'uomo: ed in luoco di donarte il buon giorno
o buona sera, dopo averti fatto un grazioso volto, come ti
conoscessero e ti volessero salutare, ti verranno a donar
una scossa bestiale. Accuso, dico, quell'altri, i quali talvolta
fingendo di fuggire, o voler perseguitare alcuno, o
correre a qualche negocio necessario, se spiccano da dentro
una bottega; e con quella furia ti verranno da dietro o da
costa a donar quella spinta che può donar un toro quando
è stizzato, come pochi mesi fa accadde ad un povero messer
Alessandro Citolino; al quale, in cotal modo, con riso e
piacer di tutta la piazza, fu rotto e fracassato un braccio,
al che volendo poi provedere il magistrato, non trovò
manco che tal cosa avesse possuto accadere in quella piazza.
Sí che, quando ti piace uscir di casa, guarda prima di farlo
senza urgente occasione, che non pensassi come di voler
andar per la città a spasso. Poi sègnati col segno de la santa
— 78 —
croce, àrmati di una corazza di pazienza, che possa stare
a prova d'archibugio, e disponeti sempre a comportar il
manco male liberamente, se non vuoi comportar il peggio
per forza. [>]
Bruno Cena 76-77-78