— 61 —
sublimissima scienza si fussero alquanto alzati alla
cognizione delle divine verità; delle quali gli Ebrei
erano stati addottrinati dal vero Dio: ed al contrario
ne nasce una grave confutazione dell' errore de' Mitologi
ultimi
, i quali credono, che le Favole sieno Storie
sagre corrotte dalle Nazioni Gentili, e sopra tutti da' Greci
.
E benchè gli Egizj praticarono con gli Ebrei nella
loro cattività, però per un costume comune de' primi
popoli, che quì dentro sarà dimostro, di tener'i vinti
per uomini senza Dei
, eglino della Religione, e Storia
Ebraica
fecero anzi beffe, che conto; i quali, come
narra il Sagro Genesi, sovente per ischerno domandavano
agli Ebrei, perchè lo Dio, ch'essi adoravano,
non veniva a liberargli dalle lor mani?
      M m. Il quale con comun'errore è stato finor creduto,
d'aver'ordinato in Roma il Censo pianta della Libertà
popolare
; il quale dentro si truoverà essere stato
Censo pianta di Libertà signorile: il qual'errore và di
concerto con quell'altro, onde si è pur creduto finora,
che ne' tempi, ne' quali il debitor'ammalato doveva
comparire sull' asinello, o dentro la carriuola innanzi
al Pretore; Tarquinio Prisco avesse ordinato l'insegne,
le toghe, le divise, e le sedie d'avolio de' denti
di quelli Elefanti, che perchè i Romani avevano veduto
la prima volta in Lucania nella guerra con Pirro,
dissero boves Lucas; e finalmente i cocchi d'oro da trionfare:
nella quale splendida comparsa rifulse la Romana Maestà
ne' tempi della Repubblica popolare più luminosa.
      N n. Per le pruove, che si faranno d'intorno al
tempo, che fra i Greci si truovò la Scrittura volgare
poniamo Esiodo circa i tempi d'Erodoto, e alquanto innanzi;
il quale da' Cronologi con troppo risoluta franchezza
si pone trent'anni innanzi d'Omero; della cui età variano
quattrocensessant'anni gli Autori. Oltrechè Porfirio
appresso Suida, e Velleo Patercolo voglion, ch' Omero
Vico SN44 61