— 905 —
Gli secondi
poi, detti pirroni, per parer essi archisapienti, dissero che
né tampoco questo si può intendere (il che si credeano
intendere gli efettici ): che cosa alcuna non possa esser
determinata o conosciuta. Sí che dove gli efettici intesero
che gli altri, che pensavano d'intendere, non intendevano,
ora gli pirroni intesero che gli efettici non intendevano,
se gli altri, che si pensavano d'intendere, intendessero
o non. Or quel che ne resta per giongere di vantaggio alla
sapienza di costoro, è che noi sappiamo che gli pirroni
non sapevano, che gli efettici non sapevano, che gli dogmatici,
che pensavano di sapere, non sapevano; e cossí, con
aggevolezza, sempre piú e piú vegna a prendere aumento
— 906 —
questa nobil scala de filosofie, sin tanto che demostrativamente
si conchiuda l'ultimo grado della somma filosofia
ed ottima contemplazione essere di quei che non solamente
non affermano né niegano di sapere o ignorare, ma né manco
possono affirmare né negare; di sorte che gli asini sono
li piú divini animali, e l'asinitade sua sorella è la compagna
e secretaria della veritade.
Bruno Cab 905-906