— 614 —
      Cossí, o Saulino, il padre Giove toccò l'orecchio, accese
il spirto e commosse il core del Senato e Popolo celeste,
che lui medesimo apertamente ne' volti e gesti s'accorse,
mentre orava, che nella mente loro era conchiuso e determinato
quel tanto che da lui lor venia proposto. Avendo
dunque fatta la ultima clausola ed imposto silenzio al suo
dire il gran Patriarca degli dei, tutti con una voce e con un
tuono dissero: - Molto volentieri, o Giove, consentemo
d'effettuar quel tanto che tu hai proposto e veramente ha
predestinato il fato. - Qua succese il fremito de la moltitudine,
qua apparendo segno d'una lieta risoluzione, là
d'un volenteroso ossequio, qua d'un dubio, là d'un pensiero,
qua un applauso, là un scrollar di testa di qualche
interessato, ivi una specie di vista, e quivi un'altra, sin
tanto che, gionta l'ora di cena, chi da questo lato si retirò,
e chi da quell'altro.
      Saulino. Cose di non poco momento, o Sofia!
Bruno Best 614