— 612 —
Se cossí, o dei, purgaremo la nostra abitazione, se cossí
renderemo novo il nostro cielo, nove saranno le costellazioni
ed influssi, nove l'impressioni, nove fortune; perché
da questo mondo superiore pende il tutto, e contrarii
effetti sono dependenti da cause contrarie. O felici, o veramente
fortunati noi, se farremo buona colonia del nostro
animo e pensiero! A chi de voi non piace il presente stato,
piaccia il presente conseglio. Se vogliamo mutar stato,
cangiamo costumi. Se vogliamo che quello sia buono e
megliore, questi non sieno simili o peggiori. Purghiamo
l'interiore affetto, atteso che da l'informazione di questo
mondo interno non sarà difficile di far progresso alla riformazione
di questo sensibile ed esterno. La prima purgazione,
— 613 —
o dei, veggio che la fate, veggio che l'avete fatta;
la vostra determinazione io la veggio; ho vista la vostra
determinazione, la è fatta; ed è subito fatta, perché la
non è soggetta a' contrapesi del tempo.
Bruno Best 612-613