— 611 —
Disponiamoci, dico, prima nel cielo che intellettualmente
è dentro di noi, e poi in questo sensibile che corporalmente
si presenta a gli occhi. Togliemo via dal cielo de l'animo
nostro l'Orsa della difformità, la Saetta de la detrazione,
l'Equicolo de la leggerezza, il Cane de la murmurazione,
la Canicola de l'adulazione. Bandiscasi da noi l' Ercole
de la violenza, la Lira de la congiurazione, il Triangolo
de l'impietà, il Boote de l'inconstanza, il Cefeo de la
durezza. Lungi da noi il Drago de l'invidia, il Cigno de l'imprudenza,
la Cassiopea de la vanità, l' Andromeda de la
desidia, il Perseo della vana sollecitudine. Scacciamo
— 612 —
l' Ofiulco de la maldizione, l'Aquila de l'arroganza, il Delfino
de la libidine, il Cavallo de l'impacienza, l'Idra de
la concupiscenza. Togliemo da noi il Ceto de l'ingordiggia,
l' Orione de la fierezza, il Fiume de le superfluitadi, la Gorgone
de l'ignoranza, la Lepre del vano timore. Non ne
sia oltre dentro il petto l'Argo-nave de l'avarizia, la Tazza
de l'insobrietà, la Libra de l'iniquità, il Cancro del mal
regresso, il Capricorno de la decepzione. Non fia che ne
s'avicine il Scorpio de la frode, il Centauro de la animale
affezione, l'Altare de la superstizione, la Corona de la
superbia, il Pesce de l'indegno silenzio. Con questi caggiano
gli Gemini de la mala familiaritade, il Toro de la
cura di cose basse, l'Ariete de l'inconsiderazione, il Leone
de la Tirannia, l'Aquario de la dissoluzione, la Vergine de
l'infruttuosa conversazione, il Sagittario de la detrazione.
Bruno Best 611-612