— 66 —
      Prudenzio. Bene est, pro bene est, prosequere, Theophile.
      Smitho
. Ispedite presto, perché s'accosta l'ora d'andar
a cena. Dite brevemente quel che vi occorse dopo che vi
— 67 —
risolveste di seguitar piú tosto il lungo e fastidioso camino
che ritornar a casa.
      Teofilo. Alza i vanni, Teofilo, e ponti in ordine, e
sappi ch' al presente non s'offre occasione di apportar de le
piú alte cose del mondo. Non hai qua materia di parlar di
quel nume de la terra, di quella singolare e rarissima Dama,
che da questo freddo cielo, vicino a l'artico parallelo, a
tutto il terrestre globo rende sí chiaro lume: Elizabetta
dico, che per titolo e dignità regia non è inferiore a qualsivoglia
re, che sii nel mondo; per il giodicio, saggezza, conseglio
e governo, non è facilmente seconda ad altro, che porti
scettro in terra: ne la cognizione de le arti, notizia de le
scienze, intelligenza e prattica de tutte lingue, che da persone
popolari e dotte possono in Europa parlarsi, lascio al
— 68 —
mondo tutto giudicare qual grado lei tenga tra tutti gli
altri principi. [>]
Bruno Cena 66-67-68