— 610 —
      L'ordine e maniera di far questo riparamento è che
prima togliamo da le nostre spalli la grieve soma d'errori
che ne trattiene; rimoviamo d'avanti gli nostri occhi il
velo de la poca considerazione, che ne impaccia; isgombramo
dal core la propria affezione, che ne ritarda; gittiamo
— 611 —
da noi tutti que' vani pensieri che ne aggravano;
adattiamoci a demolire le machine di errori ed edificii di
perversitade che impediscono la strada ed occupano il
camino; cassiamo ed annulliamo, quanto possibil fia, gli
trionfi e trofei di nostri facinorosi gesti, a fine che appaia
nel tribunal della giustizia verace pentimento di commessi
errori. Su, su, o dei, tolgansi dal cielo queste larve, statue,
figure, imagini, ritratti, processi ed istorie de nostre avarizie,
libidini, furti, sdegni, dispetti ed onte. Che passe,
che passe questa notte atra e fosca di nostri errori, perché
la vaga aurora del novo giorno de la giustizia ne invita;
e disponiamoci di maniera tale al sole, ch' è per uscire, che
non ne discuopra cossí come siamo immondi. Bisogna
mondare e renderci belli; non solamente noi, ma anco le
nostre stanze e gli nostri tetti fia mestiero che sieno puliti
e netti: doviamo interiore- ed esteriormente ripurgarci.
Bruno Best 610-611