— 609 —
In questo foco
fu il strale che mi trafisse il core, il laccio che mi legò l'alma,
e l'artiglio che mi tolse a me e diemmi in preda alla beltà
di lei. Commesi il sacrilego stupro, violai la compagnia di
Diana e fui a la mia fidelissima consorte ingiurioso; per la
quale in forma e specie d'una Orsa presentandomise la bruttura
del fedo eccesso mio, tanto si manca che da quella
abominevol vista io concepesse orrore, che sí bello mi
parve quel medesimo mostro e sí mi soprapiacque, che
volsi ch'il suo vivo ritratto fusse essaltato nel piú alto e
magnifico sito de l'architetto del cielo: quell'errore, quella
bruttezza, quell'orribil macchia che sdegna ed abomina
lavar l'acqua de l'Oceano, che Teti, per tema di contaminar
l'onde sue, non vuol che punto s'avicine verso la
sua stanza, Dictinna l' ha vietato l'ingresso di suoi deserti
per tema di profanar il sacro suo collegio, e per la
medesima caggione gli niegano i fiumi le Nereidi e Ninfe.
Bruno Best 609