— 45 —
dagli più severi Critici ricevuta per vera, secondo il calcolo
di Filone Giudeo
; la qual se varia da quel d'Eusebio, il divario
non è, che di mille, e cinquecento anni, ch' è brievissimo
spazio di tempo a petto di quanto l'alterarono
i Caldei, gli Sciti, gli Egizj, e fin'al dì d'oggi i Chinesi:
che dev'esser'un'invitto argomento, che gli Ebrei
furono il primo popolo del nostro Mondo, ed hanno serbato
con verità le loro memorie nella Storia Sagra fin dal principio
del Mondo
.
      C. Si pianta la Seconda Colonna a' Caldei; tra perchè
in Geografia si mostra in Assiria essere stata la Monarchia
più mediterranea di tutto il Mondo abitabile
: e perchè
in quest'Opera si dimostra, che si popolarono prima le nazioni
mediterranee, dappoi le marittime
. E certamente i Caldei
furono i primi Sappienti della Gentilità; il principe de'
quali dalla Comune de' Filologi è ricevuto Zoroaste Caldeo:
e senza veruno scrupolo la Storia Universale prende
principio dalla Monarchia degli Assirj; la quale aveva
dovuto incominciar'a formarsi dalla Gente Caldea; dalla
quale cresciuta in un grandissimo corpo dovette passare
nella Nazion degli Assirj sotto di Nino; il quale vi
dovette fondare tal Monarchia, non già con gente menata
colà da fuori, ma nata dentro essa Caldea medesima;
con la qual'egli spense il nome Caldeo, e vi produsse
l'Assirio; che dovetter'esser'i plebei di quella
Nazione; con le forze de' quali Nino vi surse Monarca;
come in quest'Opera tal civile costume di quasi tutte,
come si ha certamente della Romana, vien dimostrato.
Et essa Storia pur ci racconta, che fu Zoroaste ucciso da
Nino
; lo che truoveremo esser stato detto con lingua
eroica
in senso, che 'l Regno, il qual'era stato aristocratico
de' Caldei
, de' quali era stato carattere eroico Zoroaste,
fu rovesciato per mezzo della libertà popolare
da' plebei di tal Gente; i quali ne' tempi eroici si vedranno
essere stati altra nazione da' Nobili; e che col
Vico SN44 45