— 56 —
      Prudenzio. Optime descriptum illud «festina» con il
dorso frettoloso di marinai; «lente» col profitto de' remi,
qual mali operarii del dio de gli orti.
      Teofilo. A questo modo, avanzando molto di tempo e
poco di camino, non avendo già fatta la terza parte del
viaggio, poco oltre il loco, che si chiama il Tempio,
ecco che i nostri patrini, invece d'affrettarsi, accostano
la proda verso il lido. Dimanda il Nolano: - Che voglion
far costoro? voglion forse riprendere un po' di fiato?
- E gli venne interpretato, che quei non erano per passar
oltre; perché quivi era la lor stanza. Priega e ripriega,
ma tanto peggio; perché questa è una specie de rustici,
nel petto de' quali spunta tutti i sui strali il dio d'amor
del popolo villano.
— 57 —
      Prudenzio. Principio omni rusticorum generi hoc est
a natura tributum, ut nihil virtutis amore faciant, et vix
quicquam formidine poenae.
      Frulla
. È un altro proverbio anco in proposito di ciaschedun
villano:
Rogatus tumet,
Pulsatus rogat,
Pugnis concisus adorat.

Bruno Cena 56-57