— 592 —
La veritade
sola con l'absoluta virtude è inmutabile ed immortale:
e se tal volta casca e si sommerge, medesima necessariamente
al suo tempo risorge, porgendogli il braccio la sua
ancella Sofia. Guardiamoci, dunque, di offendere del fato
la divinitade, facendo torto a questo gemino nume a lui
tanto raccomandato e da lui tanto faurito. Pensiamo al
prossimo stato futuro, e non, come quasi poco curando
il nume universale, manchiamo d'alzare il nostro core ed
affetto a quello elargitore d'ogni bene e distributor de
— 593 —
tutte l'altre sorti. Supplichiamolo che ne la nostra transfusione,
o transito, o metampsicosi, ne dispense felici
genii: atteso che, quantunque egli sia inesorabile, bisogna
pure aspettarlo con gli voti o di essere conservati nel stato
presente, o di subintrar un altro megliore, o simile, o poco
peggiore. Lascio che l'esser bene affetto verso il nume
superiore è come un segno di futuri effetti favorevoli da
quello; come chi è prescritto ad esser uomo, è necessario
ed ordinario ch'il destino lo guida, passando per il ventre
de la madre; il spirto predestinato ad incorporarsi in pesce,
bisogna che prima vegna attuffato a l'acqui: talmente a
chi è per esser favorito da gli numi conviene che passe
per mezzo de buoni voti ed operazioni.
Bruno Best 592-593