— 33 —
Nazioni Eroiche così in pace, come in guerra; e se n'
arrecano luminosissimi esempli così della Storia barbara
prima
, come dell' ultima; e da' Romani essersi praticata
privatamente, finchè fu quella Repubblica Aristocratica,
che si truova esserlo stata fin'a' tempi delle leggi Pubblilia,
e Petelia
; ne' quali si celebrò tutta sulla Legge
delle
XII. Tavole.
      L' ultima Giurisprudenza fu dell' Equità Naturale,
che regna naturalmente nelle Repubbliche libere, ove i
popoli per un bene particolare di ciascheduno, ch' è eguale
in tutti
, senza intenderlo, sono portati a comandar
leggi universali; e perciò naturalmente le disiderano
benignamente pieghevoli inverso l'ultime circostanze
de' fatti
, che dimandano l'ugual'utilità; ch' è l' aequum
bonum
, subbietto della Giurisprudenza Romana ultima;
la quale da' tempi di Cicerone si era incominciata a
rivoltare all' Editto del Pretore Romano. é ella ancora,
e forse anco più connaturale alle Monarchie; nelle qual'
i Monarchi hanno avvezzati i Sudditi ad attendere alle
loro private utilità, avendosi essi preso la cura di tutte
le cose pubbliche; e vogliono tutte le nazioni soggette
uguagliate
tra lor con le leggi, perchè tutte sieno egualmente
interessate allo stato
: onde Adriano Imperadore riformò
tutto il Diritto Naturale Eroico Romano, col Diritto
Naturale Umano delle Provincie
; e comandò, che
la Giurisprudenza si celebrasse sull' Editto Perpetuo, che
da Salvio Giuliano fu composto quasi tutto d' Editti Provinciali.
      Ora per raccogliere tutti i primi Elementi di questo
Mondo di Nazioni da' Geroglifici, che gli significano;
il Lituo, l'Acqua, e 'l Fuoco
sopra l'Altare, l'Urna ceneraria
dentro le Selve, l'Aratro, che s'
appoggia all'Altare
, e 'l Timone prostrato
a piè dell'Altare
significano la
Vico SN44 33