— 29 —
cagioni della Lingua Latina ritruovate nella Scienza Nuova
stampata la prima volta, ch' è l'altro luogo degli tre,
onde di quel Libro non ci pentiamo: per le quali ragionate
Cagioni si sono fatte tante discoverte dell' Istoria,
Governo
, e Diritto Romano Antico, come in questi Libri
potrai, o Leggitore, a mille pruove osservare: al
qual' esemplo gli Eruditi delle Lingue Orientali, Greca,
e tralle presenti particolarmente della Tedesca, ch' è
lingua madre, potranno fare Discoverte d'Antichità fuori
d'ogni loro, e nostra aspettazione.
      Principio di tal' Origini, e di Lingue, e di Lettere
si truova essere stato, ch'i primi popoli della Gentilità
per una dimostrata necessità di natura furon Poeti; i quali
parlarono per Caratteri Poetici: la qual Discoverta,
ch' è la chiave maestra di questa Scienza, ci ha costo la
Ricerca ostinata di quasi tutta la nostra Vita Letteraria;
perocchè tal natura poetica di tai primi uomini in queste
nostre ingentilite nature
egli è affatto impossibile immaginare,
e a gran pena ci è permesso d'intendere
. Tali Caratteri
si truovano essere stati certi Generi Fantastici,
ovvero Immagini per lo più di sostanze animate o di Dei,
o d' Eroi, formate dalla lor fantasia; a i quali riducevano
tutte le spezie, o tutti i particolari a ciascun Genere
appartenenti; appunto come le Favole de' tempi
umani
, quali sono quelle della Commedia Ultima, sono
i generi intelligibili, ovvero ragionati dalla Moral
Filosofia
, de' quali i Poeti Comici formano generi fantastici,
ch'altro non sono l'idee ottime degli uomini in
ciascun suo genere, che sono i Personaggi delle Commedie.
Quindi sì fatti Caratteri Divini, o Eroici si truovano
essere state Favole, ovvero favelle vere; e se ne
scuoprono l'allegorie contenenti sensi, non già analoghi,
ma univoci, non filosofici, ma istorici di tali tempi de'
popoli della Grecia. Di più perchè tali Generi, che
sono nella lor'essenza le Favole, erano formati da fantasie
Vico SN44 29