— 586 —
      Saulino. Questa volta credo io, che risit Apollo.
      Sofia. Attendi, perché quel ch' hai sin ora udito, non è
altro che fiore.
      Saulino. Di' pure.
      Sofia. Ieri che fu la festa in commemorazion del giorno
de la vittoria de dei contra gli giganti, immediatamente
dopo pranso, quella, che sola governa la natura de le
cose, e per la qual gode tutto quel che gode sotto il cielo, -
      La bella madre del gemino amore,
La diva potestà d'uomini e dei,
Quella per cui ogni animante al mondo
Vien conceputo, e nato vede il sole,
Per cui fuggono i venti e le tempeste,
Quando spunta dal lucid'oriente,
Gli arride il mar tranquillo, e di bel manto
La terra si rinveste, e gli presenta
Per belle man di Naiade gentili
Di copia di fronde, fiori e frutti
Colmo il smaltato corno d'Acheloo, -

avendo ordinato il ballo, se gli fece innante con quella
grazia che consolarebbe ed invaghirebbe il turbido Caronte;
e come è il dovero de l'ordine, andò a porgere la
prima mano a Giove. Il quale, - in loco di quel ch'era
— 587 —
uso di fare, dico, di abbracciarla col sinistro braccio, e
strenger petto a petto, e con le due prime dita della destra
premendogli il labro inferiore, accostar bocca a bocca,
denti a denti, lingua a lingua (carezze piú lascive che possano
convenire a un padre in verso de la figlia), e con questo
sorgere al ballo, - ieri, impuntandogli la destra al petto,
e ritenendola a dietro (come dicesse: Noli me tangere),
con un compassionevole aspetto ed una faccia piena di
devozione: - Ah Venere, Venere, li disse; è possibile che
pur una volta al fine non consideri il stato nostro, e specialmente
il tuo? Pensi pur che sia vero quello che gli
uomini s'imaginano di noi, che chi è vecchio è sempre
vecchio, chi è giovane è sempre giovane, chi è putto è
sempre putto, cossí perseverando eterno, come quando da
la terra siamo stati assunti al cielo; e cossí, come là la pittura
ed il ritratto nostro si contempla sempre medesimo,
talmente qua non si vada cangiando e ricangiando la vital
nostra complessione? [>]

Bruno Best 586-587