— 581 —
      Sofia. Cossí è. Ha ordinato al suo fabro Vulcano, che
non lavore de giorni di festa; ha comandato a Bacco che
non faccia comparir la sua corte, e non permetta debaccare
— 582 —
le sue Evanti, fuor che nel tempo di carnasciale, e
nelle feste principali de l'anno, solamente dopo cena, appresso
il tramontar del sole, e non senza sua speciale ed
espressa licenza. Momo, il quale avea parlato contra gli dei,
e, come a essi pareva, troppo rigidamente arguiti gli loro
errori, e però era stato bandito dal concistoro e conversazion
di quegli, e relegato alla stella ch' è nella punta de la
coda di Calisto, senza facultà di passar il termine di quel
parallelo a cui sottogiace il monte Caucaso, dove il povero
dio è attenuato dal rigor del freddo e de la fame; ora è
richiamato, giustificato, restituito al suo stato pristino, e
posto precone ordinario ed estraordinario con amplissimo
privileggio di posser riprendere gli vizii, senza aver punto
risguardo a titolo o dignitade di persona alcuna. [>]

Bruno Best 581-582