— 206 —
      Armesso. La mia contristazione, con quella d'altri
nobilissimi, tanto manca che proceda dalla divolgazione
— 207 —
de quei dialogi, che facilmente procurarei che fussero tradotti
in nostro idioma, a fin che servissero per una lezione
a quei poco e male accostumati, che son tra noi; che forse,
quando vedessero con qual stomaco son presi e con quai
delineamenti son descritti gli suoi discortesi rancontri e
quanto quelli sono mal significativi, potrebbe essere che,
se, per buona disciplina e buono essempio che veggano negli
megliori e maggiori, non si vogliono ritrar da quel camino,
almeno vegnano a cangiarsi e conformarsi a quelli, per vergogna
di esserno connumerati tra tali e quali; imparando
che l'onor de le persone e la bravura non consiste in posser
e saper con que' modi esser molesto, ma nel contrario a
fatto.
      Elitropio. Molto vi mostrate discreto e accorto nella
causa de la vostra patria, e non siete verso gli altrui buoni
uffici ingrato e irreconoscente, quali esser possono molti
poveri d'argumento e di consiglio. Ma Filoteo non mi par
tanto aveduto per conservar la sua riputazione e defendere
la sua persona; perché, quanto è differente la nobiltade
dalla rusticitade, tanto contrarii effetti si denno sperare
e temere in un Scita villano, il quale riuscirà savio e per
il buon successo verrà celebrato, se, partendosi dalle ripe
del Danubio, vada con audace riprensione e giusta querela
a tentar l'autorità e maestà del Romano Senato; che dal
colui biasimo e invettiva sappia prendere occasione di fabricarvi
sopra atto di estrema prudenza e magnanimitade,
onorando il suo rigido riprensore di statua e di colosso;
— 208 —
che se un gentiluomo e Senator Romano per il mal successo
possa riuscir poco savio, lasciando le amene sponde del suo
Tevere, sen vada, anco con giusta querela e raggionevolissima
riprensione, a tentar gli scitici villani; che da quello
prendano occasione di fabricar torri e Babilonie d'argumenti
di maggior viltade, infamia e rusticitade, con lapidarlo,
rallentando alla furia populare il freno, per far meglio
sapere all'altre generazioni quanta differenza sia di contrattare
e ritrovarsi tra gli uomini e tra color che son fatti
ad imagine e similitudine di quelli.
Bruno Causa 206-207-208