— 20 —
sotto certi loro Capiordini, che si truovano essere stati
i primi Re delle Città Eroiche; i quali pur ci narra,
quantunque troppo oscuramente la Storia Antica, che
nel primo Mondo de' popoli si criavano gli Re per natura,
de' quali qui si medita, e se ne truova la guisa. Or
tai Senati Regnanti, per contentare le sollevate caterve
de' Famoli, e ridurle all'ubbidienza, accordarono loro
una Legge Agraria, che si truova essere stata la prima
di tutte le leggi civili
, che nacque al Mondo; e
che naturalmente de' Famoli con tal legge ridutti si composero
le prime plebi delle Città. L' accordato da' Nobili
a tai plebei fu il dominio naturale de' campi, restando il
civile appo essi Nobili, i quali soli furono i Cittadini
delle Città Eroiche
; e ne surse il Dominio eminente appo
essi Ordini, che furono le prime Civili Potestà, o
sieno Potestà Sovrane de' popoli: le quali tutte e tre
queste spezie di dominj
si formarono, e si distinsero col
nascere di esse Repubbliche; le quali da per tutte le nazioni
con un'Idea, spiegata in favellari diversi si truovano
essere state dette Repubbliche Erculee, ovvero di
Cureti, o sia di armati in pubblica Ragunanza: e quindi
si schiariscono i Principj del famoso Jus Quiritium,
che gl' Interpetri della Romana Ragione han creduto esser
propio de' Cittadini Romani; perchè negli ultimi tempi
tale lo era: ma ne' tempi antichi Romani si truova
essere stato Diritto Naturale di tutte le Genti Eroiche.
E quindi sgorgano, come da un gran Fonte più fiumi,
l' Origine delle Città, che sursero sopra le Famiglie non
sol de' figliuoli, ma anco de' Famoli: onde si truovarono
naturalmente fondate sopra due comuni, uno di Nobili,
che vi comandassero, altro di plebei, ch' ubbidissero;
delle quali due parti si compone tutta la Polizia, o sia
la Ragione de' civili Governi: le quali prime Città sopra
le Famiglie sol di figliuoli si dimostra, che non potevano
nè tali, nè di niuna sorta affatto nascer nel Mondo:
Vico SN44 20