— 577 —
      Sofia. Indi non fia chi piú dica e favoleggi Giove per
carnale e voluttuario; perché al buon padre s' è addonato
il spirito.
      Saulino. Come colui, che tenea già tante moglie, tante
ancelle di moglie e tante concubine, al fine dovenuto qual
ben satollo, stuffato e lasso, disse: Vanità, vanità,
ogni cosa è vanità?

      Sofia. Pensa al suo giorno del giudizio, perché il termine
de gli o piú o meno o a punto trentasei mila anni, come è
publicato, è prossimo; dove la revoluzion de l'anno del
mondo minaccia, ch'un altro Celio vegna a repigliar il
— 578 —
domíno e per la virtú del cangiamento ch'apporta il moto
de la trepidazione, e per la varia, e non piú vista, né udita
relazione ed abitudine di pianeti. Teme che il fato disponga,
che l'ereditaria successione non sia come quella della
precedente grande mondana revoluzione, ma molto varia
e diversa, cracchieno quantosivoglia gli pronosticanti astrologi
ed altri divinatori.
Bruno Best 577-578