— 572 —
      Sofia. Dici bene. A quel che è detto aggiongo, che Giove
qualche volta, come li venesse tedio di esser Giove, prende
certe vacanze ora di agricoltore, ora di cacciatore, ora di
soldato; adesso è con gli dei, adesso con gli uomini, adesso
con le bestie. Color che sono ne le ville, prendeno la lor
festa e spasso ne le cittadi; quei che sono nelle cittadi,
fanno le loro relassazioni, ferie e vacanze ne le ville. A chi
è stato assiso o colcato, piace e giova il caminare; e chi
ha discorso con gli piedi, trova refrigerio nel sedere. Ha
piacer nella campagna chi troppo ha dimorato in tetto:
brama la stanza chi è satollo del campo. Il frequentar un
cibo, quantunque piacevole, è caggione di nausea al fine.
Tanto che la mutazione da uno contrario a l'altro per gli
suoi participii, il moto da uno contrario a l'altro per gli
suoi mezzi viene a soddisfare; ed in fine veggiamo tanta
familiarità di un contrario con l'altro, che uno piú conviene
con l'altro, che il simile con il simile.
Bruno Best 572