— 13 —
con certa maestà il manico
in faccia all'Altare
; per darci ad intendere,
che le terre arate furono i primi altari della Gentilità;
e per dinotar'altresì la superiorità di natura, la
quale credevano avere gli Eroi sopra i loro socj, i quali
quindi a poco vedremo significarsici dal Timone,
che si vede in atto d'inchinarsi presso
al zoccolo dell'Altare
; nella qual superiorità
di natura
si mostrerà, ch'essi Eroi riponevano
la ragione, la scienza, e quindi l' amministrazione, ch'
essi avevano delle cose divine, o sia de' divini auspicj.
L'Aratro scuopre la sola punta
del dente, e ne nasconde la curvatura
;
che prima d'intendersi l'uso del ferro,
dovett'esser'un legno curvo ben duro, che potesse
fender le terre, ed ararle; la qual curvatura da' Latini
fu detta urbs, ond' è l'antico urbum, curvo; per significare,
che le prime città, le quali tutte si fondarono
in campi colti, sursero con lo stare le Famiglie
lunga età ben ritirate, e nascoste tra' sagri orrori de' boschi
religiosi
; quali si truovano appo tutte le nazioni gentili
antiche; e con l'idea comune a tutte si dissero dalle
Genti Latine Luci, ch'erano terre bruciate dentro il
chiuso de' boschi
; i quali sono condennati da Mosè a doversi
bruciar'anch'essi, ovunque il popolo di Dio stendesse
le sue conquiste: e ciò per consiglio della Provvedenza
Divina
, acciocchè gli già venuti all'Umanità
non si confondessero di nuovo co' vagabondi rimasti
nella nefaria comunione sì delle cose, sì delle
donne.
      Si vede al lato destro del medesimo
Altare un Timone
; il qual significa
l' Origine della Trasmigrazione de' popoli fatta per mezzo
della navigazione. E per ciò, che sembra inchinarsi
a piè dell'Altare
, significa gli antenati
Vico SN44 13