— 10 —
      La seconda delle cose umane, per la quale a' Latini
da humando, seppellire prima e propiamente vien
detta Humanitas, sono le seppolture; le quali sono rappresentate
da un'Urna ceneraria riposta
in disparte dentro le Selve
; la qual'
addita, le seppolture essersi ritruovate fin dal tempo,
che l'Umana Generazione mangiava poma l'estate,
ghiande l'inverno: et è nell'Urna iscritto D. M.
che vuol dire, all'anime buone de' seppelliti: il qual motto
divisa il comun consentimento di tutto il Gener'Umano
in quel placito, dimostrato vero poi da Platone,
che le anime umane non muojano co' loro corpi, ma che
sieno immortali. Tal' Urna accenna altresì l' Origine
tra' Gentili medesimi della divisione de' Campi; nella quale
si deon'andar'a truovare l' Origini della distinzione delle
Città, e de' popoli, e alfin delle nazioni. Perchè truoverassi,
che le razze prima di Cam, poi di Giafet, e
finalmente di Sem, elleno senza la Religione del loro
padre Noè, ch'avevano rinniegata, la qual sola nello
stato, ch'era allor di Natura, poteva co' matrimonj tenergli
in società di Famiglie; essendosi sperdute con
un' errore, o sia divagamento ferino dentro la gran Selva
di questa Terra
, per inseguire le schive, e ritrose
donne, per campar dalle fiere, delle quali doveva la
grande antica Selva abbondare; e sì sbandati per
truovare pascolo, ed acqua; e per tutto ciò a capo di
lunga età essendo andate in uno stato di bestie; quivi a
certe occasioni dalla Divina Provvedenza ordinate, che
da questa Scienza si meditano, e si ritruovano, scosse e
destate da un terribile spavento d'una da essi stessi finta,
e creduta divinità del Cielo, e di Giove
, finalmente se
ne ristarono alquanti, e si nascosero in certi luoghi; ove
fermi con certe donne, per lo timore dell'appresa Divinità
al coverto co i congiugnimenti carnali religiosi, e pudichi
celebrarono i matrimonj; e fecero certi figliuoli;
Vico SN44 10