— 853 —
      O dunque forte, vittoriosa e trionfatrice mascella d'un
asino morto, o diva, graziosa e santa mascella d'un polledro
defunto, or che deve essere della santità, grazia e divinità,
fortezza, vittoria e trionfo dell'asino tutto, intiero e vivente,
- asino, pullo e madre, - se di quest'osso e sacrosanta reliquia
la gloria ed exaltazion è tanta? E mi volto a voi,
o dilettissimi ascoltatori; a voi, a voi mi rivolto, o amici lettori
de mia scrittura ed ascoltatori de mia voce; e vi dico,
e vi avertisco, e vi esorto, e vi scongiuro, che ritorniate a voi
medesimi. Datemi scampo dal vostro male, prendete partito
— 854 —
del vostro bene, banditevi dalla mortal magnificenza del core,
ritiratevi alla povertà del spirito, siate umili di mente, abrenunziate
alla raggione, estinguete quella focosa luce de l'intelletto
che vi accende, vi bruggia e vi consuma; fuggite que'
gradi de scienza che per certo aggrandiscono i vostri dolori;
abnegate ogni senso, fatevi cattivi alla santa fede, siate quella
benedetta asina, riducetevi a quel glorioso pulledro, per li
quali soli il redentor del mondo disse a gli ministri suoi: Andate
al castello ch'avete a l'incontro
;
cioè andate per l'universo mondo sensibile e corporeo il quale
come simulacro è opposto e supposto al mondo intelligibile
ed incorporeo. Trovarete l'asina ed il pulledro
legati
: v'occorrerà il popolo ebreo e gentile,
sottomesso e tiranneggiato dalla captività di Belial.
Bruno Cab 853-854