— 283r —
Quindi riconoscendo i congionti,
entrò fra essi la prima umanità, di umare, o
sepellire i lor morti; e si cominciò il Ius umano. Onde
tutte le nazioni tennero fermo solennizzare cotanto le
nozze, e mortorj; perché queste due cose furono le
prime basi delle rep. Perché facendo sacrificj a' Padri,
che parentalia restaron detti, e distinguendo i tumuli
co' segni, ch'or si tralascia di dire, e sepellendogli
secondo l' ordine della mortalità, vennero in notizia
delle Stirpi, e de' loro diramamenti, che sono le gentilità,
e le agnazioni, che i Poeti spiegarono co' Patronimici,
che ritennero gli Spartani ne i loro Eraclidi,
i Rom. più felicemente distinsero co' nomi, e co i cognomi;
e così stabilirono le genti maggiori, che sono le case
divise in più famiglie
: e perciò restò tra patricj Rom.
diligentissima cura de' Sacrificj familiari, e gentileschi.
Ma fermi ne' luoghi occupati, non bastando loro de'
frutti della natura, perché si moltiplicarono, fu lor necessario
coltivare le terre; e non avendo ancor'uso del
ferro, si servirono del fuoco: onde poi l' acqua, e 'l fuoco
conservarono i Rom. per significare tutte le umane, e
Divine cose
. Così dal fuoco sgregolato il terreno, per seminarvi
il farro, (che anco dissero Ador, e Adur da
questo brugiamento, di cui poi si servirono ne' lor sacrificj
i Rom. e 'l davano per premio a' Forti, e dissero
Adorea la gloria militare) poterono ararlo con curvi legni
duri, come anchor fanno i villani nel terren molle.
Quindi urbs detta ab urbo, curvatura dell'aratro; da
cui ogni termino designato Ara detta; come la famosa
Ara de' Fileni appo Sallustio, e Hara il chiuso de' bestiami,
onde fu detta Haruspicina: il primo nome di
Città, che nacque nella Siria fu Aram, con aggiungervi
il proprio o innanzi, o dopo: tante Città in Geografia
dette Are: e ancor oggi in Transilvania le Are de' Cicoli,
popolo che vanta l'origine dagli antichissimi Unni;
e appo Latini quasi sempre Lucus et Ara unitamente
si mentovano. Costoro dunque eran gli Ottimi, perché
credeansi pii, e per la pietà prudenti, stimando consigliarsi
con gli Dei, temperati, perché contenti di una sola
moglie, forti, che domaron la terra, che dall'acqua
ripullulava, che è forse l'Idra di Ercole: e da questa ultima
virtù detti Ottimi, perché appo gli antichi fortus
diceasi bonus, come appo Greci ἄρεσοι da Ἄρης Mars;
onde gli Areopagiti detti quasi Senatori, o più propriamente
Paesani di Marte. Questi Viri da' Latini, a quali
rispondono ἥρῶες de' Greci, figliuoli degli Dei, che
credevano i loro Padri morti esser'i Dei Mani, che nelle
XII. Tav. son chiamati divi parentum: essi guerrieri;
onde da Rom. i Magistrati furon detti Viri con
l'aggiunta del numero, e furono detti mariti, Viri.
Vico SDU 283r