— 566 —
- Mena seco il
Leone il tirannico Terrore, Spavento e Formidabilità, la perigliosa
ed odibile Autoritade e Gloria della presunzione e
Piacere di esser temuto piú tosto che amato. Versano nel
campo del Rigore, Crudeltà, Violenza, Suppressione, che ivi
son tormentate da le ombre del Timore e Suspizione; ed al
celeste spacio ascende la Magnanimità, Generosità, Splendore,
— 567 —
Nobiltà, Prestanza, che administrano nel campo della Giustizia,
Misericordia, giusta Debellazione, degna Condonazione,
che pretendeno sul studio d'esser piú tosto amate che temute;
ed ivi si consolano con la Sicurtà, Tranquillitade di spirito e
lor fameglia. - Va a giongersi con la Vergine la Continenza,
Pudicizia, Castità, Modestia, Verecundia, Onestade, che trionfano
nel campo della Puritade ed Onore, spreggiato da l'Impudenza,
Incontinenza ed altre madri de nemiche fameglie.
- Le Bilancie son state tipo de la aspettata Equità, Giustizia,
Grazia, Gratitudine, Rispetto ed altri compagni, administratori
e seguaci, che versano nel trino campo della Distribuzione,
Commutazione e Retribuzione, dove non mette piè
l'Ingiustizia, Disgrazia, Ingratitudine, Arroganza ed altre
lor compagne, figlie ed amministratrici.
Dove incurvava l'adunca coda e stendeva le sue branche
lo Scorpione, non appare oltre la Frode, l'iniquo Applauso,
il finto Amore, l'Inganno, il Tradimento, ma le contrarie
virtudi, figlie della Simplicità, Sincerità, Veritade, e che versano
ne gli campi de le madri. [>]

Bruno Best 566-567