— 283v —
Questa lingua Eroica fu il Fas delle genti
la lingua certa, perché lingua delle leggi, per la qual poi
genti furon dette le intiere nazioni, che son più popoli,
che parlano una lingua Commune
; le quali seconde lingue
come nascessero, si narra nell' Opera. Da ciò i Rom.
dissero Fasti i giorni, ne' quali si rendea ragione; e le
formole, con le quali si concepiva, gli antichi dissero
carmina. Essi Ottimi erano i Letterati della Letteratura
Eroica
: con che custodivano l'Eroica Sapienza;
fondamento della quale era, che gli animi umani fossero
immortali
, che è quasi una tradizione del genere
umano
, non istimandogli corpi, perché i corpi essi toccavano,
ma le imagini de' maggiori no: la quale è la
Teologia de' Poeti, che descrivono le anime, Imagines
humana maiores
. [>]
Vico SDU 283v