— 851 —
      Tutto è figurato per quello che il Signor aperse la bocca
de l'asina, ed ella parlò. Per l'autorità di questa, per la bocca,
voce e paroli di questa è domata, vinta e calpestrata la gonfia,
superba e temeraria scienza secolare; ed è ispianata al basso
ogni altezza che ardisce di levar il capo verso il cielo: perché Dio
av'elette le cose inferme per confondere le forze del mondo;
— 852 —
le cose stolte ave messe in riputazione; atteso che quello, che
per la sapienza non posseva essere restituito, per la santa
stoltizia ed ignoranza è stato riparato: però è riprovata la
sapienza de sapienti e la prudenza de prudenti è rigettata.
Stolti del mondo son stati quelli ch' han formata la religione,
gli ceremoni, la legge, la fede, la regola di vita; gli maggiori
asini del mondo (che son quei che, privi d'ogni altro senso e
dottrina, e voti d'ogni vita e costume civile, marciti sono nella
perpetua pedanteria) son quelli che per grazia del cielo riformano
la temerata e corrotta fede, medicano le ferite de l'impiagata
religione, e togliendo gli abusi de le superstizioni,
risaldano le scissure della sua veste; non son quelli che con
empia curiosità vanno, o pur mai andâro perseguitando gli
arcani della natura, computâro le vicissitudini de le stelle.
Bruno Cab 851-852