— 19 —
dialogo primo
interlocutori

      Smitho, Teofilo filosofo, Prudenzio pedante, Frulla.

— 20 —
      Smitho. Parlavan ben latino?
      Teofilo. Sí.
      Smitho. Galantuomini?
      Teofilo. Sí.
      Smitho. Di buona riputazione?
      Teofilo. Sí.
— 21 —
      Smitho. Dotti?
      Teofilo. Assai competentemente.
      Smitho. Ben creati, cortesi, civili?
      Teofilo. Troppo mediocremente.
      Smitho. Dottori?
      Teofilo. Messer sí, padre sí, madonna sí, madesí,
credo da Oxonia.
      Smitho. Qualificati?
      Teofilo. Come non? uomini da scelta, di robba lunga,
vestiti di velluto; un de' quali avea due catene d'oro lucente
al collo, e l'altro, per Dio, con qeulla preziosa mano,
che contenea dodeci anella in due dita, sembrava uno ricchissimo
gioielliero, che ti cavava gli occhi ed il core,
quando la vagheggiava.
Bruno Cena 19-20-21