— 16 —
      Se nel ritrare vi par che i colori non rispondano perfettamente
al vivo, e gli delineamenti non vi parranno al tutto
proprii, sappiate ch' il difetto è provenuto da questo, che il
pittore non ha possuto essaminar il ritratto con que' spacii e
distanze, che soglion prendere i maestri de l'arte; perché,
oltre che la tavola, o il campo era troppo vicino al volto e
gli occhi, non si possea retirar un minimo passo a dietro, o
discostar da l'uno e l'altro canto, senza timor di far quel salto,
che feo il figlio del famoso defensor di Troia. Pur, tal qual è,
prendete questo ritratto, ove son que' doi, que' cento, que'
mille, que' tutti; atteso che non vi si manda per informarvi
— 17 —
di quel che sapete, né per gionger acqua al rapido fiume del
vostro giudizio ed ingegno; ma perché so, che secondo l'ordinario,
benché conosciamo le cose piú perfettamente al vivo,
non sogliamo però dispreggiar il ritratto e la rapresentazion
di quelle. Oltre che son certo, ch' il generoso animo vostro
drizzarà l'occhio della considerazion piú alla gratitudine dell'affetto
con cui si dona, che al presente della mano che vi porge.
Bruno Cena 16-17