— 15 —
Quanto a quello che nella superficie si presenta, quelli
che n'han donato occasione di far il dialogo, e forse una satira
e comedia, han modo di dovenir piú circonspetti, quando
misurano gli uomini con quella verga, con la quale si misura
il velluto, e con la lance di metalli bilanciano gli animi. Quelli,
che sarrano spettatori o lettori, e che vedranno il modo, con
— 16 —
cui altri son tocchi, hanno per farsi accorti ed imparar a l'altrui
spese. Que', che son feriti o punti, apriranno forse gli occhi;
e vedendo la sua povertà, nudità, indignità, se non per amore,
per vergogna almeno si potran correggere o cuoprire, se non
vogliono confessare. Se vi par il nostro Teofilo e Frulla troppo
grave e rigidamente toccare il dorso d'alcuni suppositi, considerate,
Signor, che questi animali non han sí tenero il cuoio;
che se le scosse fussero a cento doppia maggiori, non le stimarebono
punto, o sentirebbono piú che se fussero palpate
d'una fanciulla. Né vorrei che mi stimate degno di riprensione
per quel che sopra sí fatte inepzie e tanto indegno campo,
che n'han porgiuto questi dottori, abbiamo voluto exaggerar
sí gravi e sí degni propositi; perché son certo, che sappiate
esser differenza da togliere una cosa per fondamento, e prenderla
per occasione. I fondamenti invero denno esser proporzionati
alla grandezza, condizione e nobiltà de l'edificio; ma
le occasioni possono essere di tutte sorte, per tutti effetti;
perché cose minime e sordide son semi di cose grande ed eccellenti,
sciocchezze e pazzie sogliono provocar gran consegli,
giudizii ed invenzioni. Lascio ch' è manifesto, che gli errori
e delitti han molte volte porgiuta occasione a grandissime
regole di giustizia e di bontade.
Bruno Cena 15-16